GTranslate

 

Flashback annuncia le Gallerie partecipanti all’edizione 2021

 Torna in presenza Flashback l’arte è tutta contemporanea, dopo un’edizione virtuale nel 2020, che nel contempo ha lanciato la formula della fiera diffusa in città, è ora il momento di aprire le porte della nuova sede, la ex Caserma Dogali e accogliere il pubblico dal vivo al 100 per cento! 

Le gallerie partecipanti alla IX edizione, intitolata the Free Zone, la Zona Franca -  proporranno scultura, pittura ma anche oggetti di design, arredo e gioielli di varie epoche, provenienze e tecniche - questa la lista completa: 800/900 Art Studio, Livorno (I); Aleandri Arte Moderna, Roma (I); Art Decoratif di Roberto Centrella, Fiumicino (RM); Artemisia Fine Art, Dogana (RSM); Benappi Fine Art, Londra (UK); Biasutti & Biasutti, Torino (I); Caretto & Occhinegro, Torino (I); Flavio Gianassi – FG Fine Art, Londra (UK); Flavio Pozzallo, Oulx – To (I); Galleria Alessandro Bagnai, Foiano della Chiana - AR (I); Galleria Carlo Virgilio & C., Roma (I), Londra (UK); Galleria d’arte Niccoli, Parma (I); Galleria d’Arte Roccatre, Torino (I); Galleria Del Ponte, Torino (I); Galleria dello Scudo, Verona (I); Galleria Luigi Caretto, Torino (I) – Madrid (E); Galleria Russo, Roma (I); l Cartiglio, Torino (I); Longari Arte Milano, Milano (I); Lorenzo e Paola Monticone Gioielli d’epoca, Torino (I); MB Arte Libri, Milano (I); Mirco Cattai Fine Art & Antique Rugs, Milano (I); Miriam Di Penta Fine Art, Roma (RM); Photo & Contemporary, Torino (I); Schreiber Collezioni, Torino (I); Secol-Art di Masoero, Torino (I); Studio d’Arte Campaiola, Roma (I); Umberto Benappi, Torino (I); Untitled Association, Roma (I); White Lands, Torino.

Della Zona Franca, marginale, periferica ma libera da pregiudizi e interamente dedicata all’arte, che ci aspetta dal 4 al 7 novembre a Torino, Flashback ci mostra uno spiraglio, un anticipo di quanto si potrà ammirare in fiera.

Dedicata alla libertà espressiva della ricerca artistica questa edizione ci regala la libertà del gesto, della forma, dell’imprevisto, dello sguardo per aprirci al futuro perché, come ci ricorda Ursula K. Le Guin, “…avremo bisogno di voci capaci di vedere alternative al modo in cui viviamo ora, capaci di vedere, al di là di una società stretta dalla paura e dall’ossessione tecnologica, altri modi di essere, e immaginare persino nuove basi per la speranza. Abbiamo bisogno di scrittori che si ricordino la libertà. Poeti, visionari, realisti di una realtà più grande”.

Partendo dall’opera di Mario Sironi, dal titolo emblematico: Periferia, del 1940 ca. di Aleandri Arte Moderna, tempere e pastelli a olio su carta con interventi a lametta per raschiare lo strato di colore superficiale e far emergere il sottostante, si passa al coetaneo Gino Severini (Cortona 1883 – Parigi 1966), Nature morte au homard sur plat bleu, 1950 ca., mosaico su cemento di 800/900 Art Studio e si arriva al maestro dell’informale Alberto Burri, Senza Titolo del 1958, tecnica mista (acrilico, tela, vinavil) su tavola di Artemisia Fine Art che ci racconta della libertà dell'imprevisto.

Si prosegue nella libertà del gesto e della forma approdando all’opera Ecce Puer di Medardo Rosso (Galleria Russo) e alle opere di Sandro Chia e Mimmo Paladino (Galleria dello Scudo), autori della Transavanguardia, corrente che opera fuori da coordinate obbligate, seguendo un atteggiamento nomade e libero con un'attenzione policentrica.

Di Umberto Benappi i Tappeti stesi, 1992 di Aldo Mondino olio su eraclite: un trompe-l’oeil con il quale Mondino ci mostra la possibilità di cambiare il modo di vedere le cose e la loro funzione. La trama dell’eraclite, povera e grezza, diventa la strabiliante simulazione di un nobile tappeto orientale.

Tappeti “reali” sono invece presentati dalla galleria Mirco Cattai Fine Art and Antique Rugs come il tappeto Lotto, della metà del XVII secolo di cm 156X114 con origine in Anatolia centrale. I Lotto sono tappeti caratterizzati da una composizione modulare continua a formare una griglia.

Sull’illusione dello sguardo lavora anche George Rousse, autore in grado di creare un profondo legame con i luoghi che rappresenta, luoghi spesso abbandonati che si rigenerano grazie al suo sguardo trasversale. L’opera è Shodoshima, 2018 della Galleria Photo & Contemporary.

La cavalletta ci dona l'abilità di cogliere le occasioni, di muoversi secondo l'impulso e saltare in avanti con Grasshopper, un vaso di forma asimmetrica (di Art Decoratif di Roberto Centrella) in vetro doppio strato inciso ad acido e lucidato al fuoco. Il decoro di cavalletta ci appare tra le felci nei toni del rosso vino iridescente su un fondo trasparente. Di produzione Artistica Gallè, anno 1890/1894.

… libertà va cercando, ch'è sì cara, / come sa chi per lei vita rifiuta afferma Dante Alighieri che nel 700mo anno dalla morte non può mancare a Flashback: Alighieri Dante (1265-1321) - Boccaccio Giovanni (1313-1375) con il commento di Iacomo della Lana e le correzioni di Cristoforo Berardi. Commedia, Venezia, Vindelino da Spira, 1477, in-folio (mm 320x215) della libreria antiquaria Il Cartiglio.

Chiudiamo questo interstizio aperto sulla Free Zone di Flashback con uno sguardo trasversale su Torino, città sede della manifestazione, grazie all’opera di Marco Calderini - ricordato come il più piemontese di tutti gli artisti (Torino 1850 - 1941) - Il Po a Torino, olio su tela, cm 120 x 228 della Galleria Carlo Virgilio&C.

Questo come primo sguardo a Flashback, ma la grande Galleria di opere andrà arricchendosi fino al momento della preview stampa fissato per il 3 novembre in fiera.

Per informazioni: www.flashback.to.it; info@flashback.to.it; +39 393 6455301

Con il supporto di Regione Piemonte, Città di Torino, Camera di Commercio di Torino, Fondazione CRT e Compagnia di San Paolo.

Cultural partners: Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà; Opera Viva – l’Artista di Quartiere; Atelier Heritage

Flashback, l’arte è tutta contemporanea

4 / 7 novembre 2021

Caserma Dogali – Via Asti 22 – Torino

Per informazioni: www.flashback.to.it; info@flashback.to.it; +39 393 6455301

Ufficio Stampa Nazionale

Studio ESSECI – Sergio Campagnolo

Roberta Barbaro: roberta@studioesseci.net

Tel. 049 663499

Ufficio Stampa Locale

Giulia Gaiato

gaiatogiulia@gmail.com

mob. +39 346 5606493

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph