GTranslate

 

SFUMATURE La mostra dell’architetto Riccardo Monte e della fotografa Katie May a Domodossola dal 4 dicembre al 9 gennaio

Sfumature di Riccardo Monte e Katie May è la nuova mostra ospitata nelle sale
dell’Artoteca Di-Se a Domodossola, aperta dal 4 dicembre al 9 gennaio,
inaugurazione venerdì 3 dicembre alle ore 17.
Un’esposizione ibrida, un viaggio poetico tra la solidità della materia, il legno, e la
leggerezza della sua rappresentazione, la fotografia. Tronchi d’albero cresciuti
nelle valli alpine sono forgiati dalle sapienti mani di Monte che dà loro forma senza
però mai trasfigurarli e farci dimenticare da dove è partito.

Le stesse opere sono
catturate nelle fotografie della May, riproduzioni artistiche che raccontano la storia
di quegli stessi ciocchi di legno, semplici e autentici, ora oggetti d’arte e di design.
Riccardo Monte è un architetto che ama il suo mestiere. Dopo anni di lavoro e
studio all’estero, decide di tornare in Italia, a Ornavasso (VB), dove apre il suo
studio. La sua idea di design lo porta a creare oggetti elementari ricavati
direttamente dall’uso della materia nella sua purezza.
Katie May, nata e cresciuta nel Somerset inglese, è fotografa. Da anni segue il
lavoro di Monte, ne osserva e cattura il processo creativo e di trasformazione del
legno. Il suo è un danzare tra luce naturale e ombre, un giocare con ritmi e
movimenti davanti e dietro la macchina fotografica, tra contemplazione e
riflessione.
A parlare di loro, tra i tanti, anche il volume di Karen Rosenkranz “City Quitters:
Creative Pioneers Pursuing Post-Urban Life”, il magazine inglese Country Living -
Modern Rustic, Io Donna del Corriere della Sera, il coreano The Neighbor e il
tedesco Deco Home.
Il lavoro di Monte, che ben emerge nel percorso espositivo proposto da Sfumature,
inizia da un’accurata ricerca del legno. Una volta trovato, la metamorfosi avviene
studiando le proprietà di ogni singolo pezzo: il suo peso, la sua scala, le sue
peculiarità diventano le fondamenta per l’esecuzione di ogni singola opera. Ecco
allora che il metodo proposto da Monte è semplice e discreto, fortemente ispirato
alla tradizione architettonica delle Alpi e a una genuina ammirazione per la cultura
e le tradizioni Walser.
Così Monte: “Le opere esposte nascono da un processo che intende enfatizzare la
bellezza del legno in tutti i suoi aspetti, la materia è lasciata intatta, l’intervento
umano si minimizza, il legno rimane l’attore principale della scena. La finitura è
ottenuta con il fuoco. Non ci sono prodotti chimici. Niente additivi. Nessuna vernice.
In questa collezione di oggetti senza tempo, il fuoco è la finitura, il legno è la
materia, la loro forma è dettata dalla natura, l’obiettivo rimane la ricerca
dell’armonia e delle proporzioni: la bellezza”.

Un’intera parete è dedicata ai taglieri, di dimensioni e fattura sempre diversi. Noce,
rovere, castagno, acacia, larice, acero, faggio, un racconto della nostra storia,
quella delle Alpi, e di una preziosa risorsa: il legno. Ogni tagliere esposto sarà
acquistabile e parte del ricavato andrà all’ODV Centro Aiuti per l’Etiopia di
Verbania.
Un legame importante, questo con l’Etiopia, che lega Sfumature a un’altra mostra
aperta in contemporanea e visitabile presso Casa De Rodis, sempre a
Domodossola. Ethiopia. Viaggio per immagini e forme alla scoperta del paese,
un itinerario ideale attraverso le immagini realizzate dal fotografo Marco Albizzati,
in collaborazione con Centro Aiuti per l’Etiopia e Collezione Poscio.
Un’occasione importante per fare luce sulla gravissima emergenza umanitaria e la
guerra civile che stanno colpendo il Paese africano (abitato da più di 100 milioni di
persone) e di cui ci si sta parlando pochissimo.
Sfumature nasce all’interno del progetto Interreg Italia-Svizzera “Di-Se –
DiSegnare il territorio”, tre anni all’insegna del disegno e dell’arte a cura di
Associazione Musei d’Ossola, Museumzentrum La Caverna di Naters e
Associazione Asilo Bianco. Si ringrazia per il sostegno la ditta Fratelli Scalabrini.
Sabato 18 e mercoledì 29 dicembre, alle ore 16, dimostrazione dal vivo del
processo di carbonizzazione del legno con l’artista.
Domenica 9 gennaio 2022 finissage con l’artista.

SFUMATURE
Artoteca Di-Se “Il Refettorio”
Collegio Mellerio Rosmini, via Rosmini 22 (entrata laterale lato posteggio),
Domodossola (VB)
amossola.it | riccardomonte.com
Dal 4 dicembre al 9 gennaio
Inaugurazione venerdì 3 dicembre ore 17
Ingresso libero
Venerdì 15-18
Sabato e domenica 10-12 | 15-18
Mercoledì 8 dicembre 10-12 | 15-18
Dal 21 al 30 dicembre tutti i giorni 15-18
Chiuso 25-26-27-31 dicembre e 1 gennaio
Carbonizzazione del legno dal vivo con l’artista
sabato 18 dicembre, ore 16 | mercoledì 29 dicembre, ore 16
Finissage e visita guidata con l’artista domenica 9 gennaio, ore 16
Per informazioni e per seguire tutte le attività, gli eventi e le iniziative di Di-Se:
www.asilobianco.it | www.amossola.it
IG Associazione Musei d’Ossola | Asilo Bianco

FB Di-Se | Associazione Musei d’Ossola | Asilo Bianco

Ufficio stampa: Paola Fornara (Di-Se | Asilo Bianco) | 346 3002931 |
paola.fornara@gmail.com

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph