GTranslate

 

La nuova Bohème chiude la Stagione Lirica 2022 di Fondazione Arena con un turbine di amicizia, amore e gioventù - Teatro Filarmonico di Verona

Nuovo allestimento per il capolavoro di Puccini: in scena dall’11 al 18 dicembre
LA NUOVA BOHÈME CHIUDE LA STAGIONE LIRICA 2022 AL TEATRO FILARMONICO
Un turbine di amicizia, amore e gioventù conquista il palcoscenico del Filarmonico: sogni, speranze, disillusioni dei giovani dell’800 vengono raccontati attraverso il maggio francese del ‘68
 La Bohème
di Giacomo Puccini
Domenica 11 dicembre ore 15.30
Mercoledì 14 dicembre ore 19.00
Venerdì 16 dicembre ore 20.00
Domenica 18 dicembre ore 15.30
Teatro Filarmonico di Verona

 Complicità, divertimento, amori che nascono, amicizie che restano: c’è tutto questo nella Bohème, opera eternamente giovane, e molto di più, grazie alla musica più ispirata e toccante di Puccini Nel nuovo allestimento di Fondazione Arena, firmato da Stefano Trespidi con Guillermo Nova, Silvia Bonetti e Paolo Mazzon per scene, costumi e luci, lo spirito libertario della gioventù è rappresentato dalla rivoluzione giovanile del maggio 1968, a Parigi e in tutta la Francia Giovani e giovanissimi sono gli interpreti principali, già internazionalmente affermati, guidati dalla direttrice Alevtina Ioffe, al debutto veronese, con l’Orchestra e il Coro di Fondazione Arena e il Coro di Voci Bianche https://www.google.com/url?q=http://A.Li.Ve&source=gmail&ust=1670507220572000&usg=AOvVaw3Yd_ZmeTG8f-qgHzsFL90h">A.Li.Ve. Quattro le rappresentazioni, dall’11 al 18 dicembre.

Puccini era un trentacinquenne di talento già legato all’editore Ricordi quando si mise a trasporre (liberamente) il romanzo Scene della vita di bohème del francese Henri Murger, litigando con l’affermato collega Leoncavallo che già stava scrivendo un’opera sullo stesso soggetto. Nonostante la corrispondenza burrascosa con i librettisti Illica e Giacosa, il Lucchese riuscì a finire il lavoro un anno prima di Leoncavallo e la sua Bohème, battezzata nel 1896 a Torino con il giovane Arturo Toscanini sul podio, lo consacrò definitivamente. Il successo fu grande anche se non immediato: come spesso succede con le novità, il consenso critico crebbe solo col tempo, di replica in replica, in tutto il mondo. Un successo ininterrotto anche areniano sin dal 1938, e quarant’anni dopo anche al Teatro Filarmonico, con i migliori interpreti del secolo, tra cui Tebaldi, Scotto, Di Stefano, Bastianini, Pavarotti.

La Bohème è un dramma realista, ma non verista, che accoglie la commedia e la quotidianità delle “piccole cose”, una storia scorrevole ed immediata che anticipa il cinema, ad opera di un compositore sempre al passo coi tempi. Per questo capolavoro che racconta la gioventù, Fondazione Arena ha scelto un cast internazionale di giovani talenti, alcuni al debutto veronese: dal Messico proviene la coppia di protagonisti: Mimì è il soprano Karen Gardeazabal e Rodolfo il tenore Galeano Salas, Musetta è il soprano Giuliana Gianfaldoni, Colline il basso Francesco Leone, Schaunard il baritono catalano Jan Antem; come Marcello si alternano i baritoni Alessandro Luongo (11, 16 e 18) e Andrea Vincenzo Bonsignore (14). Caratterista di lusso è Nicolò Ceriani nel doppio ruolo di Benoit e Alcindoro; completano il cast Antonio Garés come Parpignol e gli areniani Francesco Azzolini, Jacopo Bianchini, Giovanni Gregnanin e Salvatore Schiano di Cola rispettivamente come Doganiere, Sergente alla barriera e Venditori nella gioia dell’affollato e memorabile quadro al Quartier Latino.

«La Bohème racconta anche l’emozione dell’incontro fra ragazzi: l’emozione di scoprirsi, stare assieme, come amici o amanti, per un po’ o forse per sempre – spiega il regista Stefano Trespidie per rappresentarla al meglio oggi, senza imitare l’insuperabile modello di Franco Zeffirelli (ancora in repertorio da sessant’anni), ho scelto una storia sempre parigina ma che fosse esempio di piazza gremita di giovani come acceleratore sociale. Come accade in Puccini e come accadde in Francia nel maggio del 1968, i cui slogan libertari citeremo esplicitamente, metafora ideale della forza e dei sogni della gioventù»

“Vietato vietare!”, “Godetevela senza freni!”, “La vita è altrove!” sono solo alcuni dei motti di allora, e di questi giovani in scena al Teatro Filarmonico, in una nuova produzione che rimarrà comunque fedele alla drammaturgia di Puccini, con echi e citazioni di fotografie d’epoca e film che hanno immortalato il ’68 (da Garrel a Bertolucci). Nelle scene di Juan Guillermo Nova, con i costumi di Silvia Bonetti e le luci di Paolo Mazzon, i giovani che condividono ideali artistici, sociali e politici, si spostano dalla soffitta dell’epoca di Luigi Filippo al movimentato atelier dove si immagina una rivoluzione in ciclostile, quindi al tradizionale Quartier Latino animato da una folla di coetanei; la barriera d’Enfer è il cantiere dell’Università di Nanterre, uno degli epicentri del ’68, mentre la scena finale, teatro della disillusione, del passaggio dalla gioventù alla maturità attraverso il dolore e l’amore immortale, è il ritorno dei giovani protagonisti nella casa borghese di provenienza.

Quanto alla musica, gli artisti, l’Orchestra di Fondazione Arena, il Coro preparato da Ulisse Trabacchin e le voci bianche di https://www.google.com/url?q=http://A.LI.VE&source=gmail&ust=1670507220572000&usg=AOvVaw1S-znhR5aOXhqpL4fbx0Rn">A.LI.VE. dirette da Paolo Facincani, saranno diretti dalla giovane Alevtina Ioffe, pluripremiata direttrice di origini russe che con questo prezioso ed impegnativo titolo fa il suo atteso debutto sul podio a Verona: «sono onorata ed emozionata di poter fare opera italiana in un teatro italiano, una bella responsabilità; – afferma la direttrice d’orchestra Ioffe – sono rimasta piacevolmente sorpresa di trovare un’orchestra così duttile e sensibile al dettato pucciniano, con le sue mille sfumature, e di lavorare con un cast veramente giovane e bravo. Mi sembra abbiamo trovato subito l’equilibrio giusto tra voci e orchestra, la base necessaria per trasmettere tutte le emozioni che quest’opera sprigiona».

«Siamo insieme orgogliosi e curiosi di questa nuova produzione – dichiara Cecilia Gasdia, Sovrintendente e Direttore Artistico della Fondazione Arena di Veronache mette insieme diversi giovani di talento, cui siamo sempre stati attenti in questi cinque anni, affiancandoli ai grandi nomi del panorama internazionale, sia al Filarmonico che in Arena. È una direzione che abbiamo voluto dare anche alla programmazione artistica 2023, più ricca che mai, e alla preparazione dell’imminente 100° Festival. Prima ancora della presentazione odierna, con il regista e alcuni interpreti siamo andati una settimana fa all’Università di Verona, in collaborazione col Dipartimento di Culture e Civiltà, ad incontrare molti studenti che non conoscevano il mondo di iniziative e offerte loro riservate dalla Fondazione: molti ci hanno scoperto in quell’occasione e soprattutto hanno scoperto La Bohème, attenti e commossi per questa storia che parla di loro e per la musica di Puccini, che tocca tutti. È solo il primo di una serie di incontri che vogliamo dedicare al pubblico giovane, non solo con le proposte già attive di Arena Young, ma con il dialogo con realtà locali non ancora raggiunte dal nostro teatro, che è anche il loro teatro».

La Bohème debutta domenica 11 dicembre (alle 15.30) e replica mercoledì 14 dicembre (alle 19), venerdì 16 dicembre (alle 20) e domenica 18 dicembre (alle 15.30).

Si ricorda che per l’accesso agli spettacoli non è più obbligatoria la presentazione di certificazione verde Covid-19 né l’uso di mascherina. Sono ancora disponibili biglietti in diversi settori del Teatro: https://www.google.com/url?q=https://www.arena.it/it/teatro-filarmonico&source=gmail&ust=1670507220572000&usg=AOvVaw1fsK-OlHi2n5VAOlr6LXxY">https://www.arena.it/it/teatro-filarmonico

La vicenda. A Parigi, quattro giovani di belle speranze e scarsissimi mezzi condividono una grande amicizia e una piccola soffitta: Rodolfo scrive per vivere, Marcello dipinge, Schaunard insegna musica, Colline fa il filosofo. Alla vigilia di Natale riescono a gabbare il padrone di casa, evitando di pagare l’affitto, e vanno a divertirsi nel Quartier Latino. Rodolfo si attarda e riceve la visita di Mimì, giovane condomina povera e bella, in cerca d’aiuto per riaccendere la luce: è subito amore. In piazza gli amici brindano: a loro si è unita Mimì e si unirà pure Musetta, ex di Marcello, non senza prima averlo fatto ingelosire pubblicamente ancora una volta, mentre sfila festosa la parata militare. Pochi mesi dopo, le prime crisi: Rodolfo, scappato di casa, confida a Marcello di voler lasciare Mimì solo per garantirle un futuro migliore; la ragazza è infatti malata di tubercolosi e gli stenti in cui vivono ne aggravano le condizioni. Mimì però l’ha seguito e ha origliato tutto: amandosi ancora, i due rimandano il momento dell’addio. Qualche tempo dopo, entrambe le coppie scoppieranno ma i destini dei quattro amici, di Musetta e di Mimì si incroceranno ancora una volta.

Anche per l’ultimo titolo della Stagione Lirica 2022, sono confermate le iniziative di Arena Young, rivolte a studenti e personale di scuole, università, accademie. Fra queste c’è la richiestissima Anteprima scuole, lo spettacolo riservato a studenti e giovani venerdì 9 dicembre alle 16. Dopo la première, prosegue la rassegna Ritorno a teatro, un percorso di avvicinamento all’opera e alla musica sinfonica proposto dalla Fondazione Arena di Verona, il mondo della Scuola potrà assistere alle rappresentazioni infrasettimanali in cartellone per la Stagione Artistica 2022 al Teatro Filarmonico, con l’opportunità di partecipare ad un Preludio un’ora prima dello spettacolo: un momento di approccio alla trama, ai personaggi e al linguaggio del teatro in musica, che avrà luogo nella prestigiosa Sala Maffeiana. Per La Bohème è possibile partecipare al Preludio mercoledì 14 alle 18.00 e venerdì 16 dicembre alle 19.00.

Informazioni e prenotazioni: Ufficio Formazione scuola@arenadiverona.it – tel 045 8051933.

Le date de La Bohème sono in vendita, come gli appuntamenti della Stagione Artistica 2023:

PREZZI BIGLIETTI       LIRICA Platea                LIRICA 1^Galleria     LIRICA 2^Galleria   

INTERO                                                            € 64                                     € 41                                 € 30                                                     

RIDOTTO                                         € 54                                     € 34                                € 25         

RIDOTTO OVER 65                        € 44                                     € 28                                 € 20                                                     

RIDOTTO UNDER 30                     € 24                                     € 15                                 € 11                                                      

 

BIGLIETTERIA ARENA DI VERONA Via Dietro Anfiteatro 6/b, 37121 Verona

Aperta da lunedì a venerdì 10.30-16.00 | sabato 9.15-12.45

Tel. 045 596517

BIGLIETTERIA TEATRO FILARMONICO Via dei Mutilati 4/k, 37121 Verona

Aperta due ore prima dello spettacolo

Tel 045 8002880

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph